Cos’è un sistema DPF e cosa fa! perché fallisce

Tutte le moderne auto diesel sono dotate di filtro antiparticolato diesel o DPF.

DPF è l’acronimo di filtro antiparticolato diesel e il suo compito è quello di filtrare i particolati tossici e microscopici emessi nello scarico della tua auto. Il problema è che, a causa del modo in cui funziona, un DPF può causare problemi costosi se non trattato correttamente.

Che cos’è un filtro DPF?

I motori diesel bruciano il carburante in modo diverso dalla benzina e producono molta fuliggine nel processo. Questa fuliggine è nota come particolato. È una sostanza molto fine, quasi invisibile che può causare seri problemi di salute se lasciata entrare nell’ambiente. Il compito del DPF è di filtrarlo e intercettarlo prima che lo faccia. Il suo montaggio è stato reso obbligatorio nel 2009, quindi tutte le auto diesel costruite e vendute da allora ne hanno una. Anche alcune auto diesel prodotte prima del 2009 hanno un DPF.

Pulizia DPF.

Il DPF non solo intrappola e trattiene i particolati, ma può anche bruciarli, trasformandoli in una cenere innocua che viene emessa attraverso il sistema di scarico della tua auto. Lo fa bruciandoli ad alta temperatura in un processo chiamato rigenerazione DPF.

Rigenerazione DPF e perché i diesel sono dannosi per i viaggi brevi.

Esistono due tipi di rigenerazione DPF, ma entrambi richiedono che i gas di scarico raggiungano una temperatura molto elevata, in genere intorno ai 500 gradi Celsius.

Tale temperatura si ottiene guidando sopra i 60 mph per circa 12 minuti. Farlo regolarmente è sufficiente per bruciare la fuliggine e trasformarla in cenere. Sfortunatamente, i conducenti che vivono in città o che non viaggiano molto lontano non porteranno la loro auto a una temperatura di esercizio sufficientemente alta per raggiungere questo obiettivo. I livelli di fuliggine possono accumularsi, causando il blocco del DPF che a sua volta porta a problemi al motore tra cui riduzione dell’economia e mancata accensione. Se non guidi spesso a velocità elevata, il motore cercherà di azzerare il DPF tramite la «rigenerazione attiva». È qui che il motore consente ai gas di scarico di diventare abbastanza caldi da bruciare la fuliggine senza che l’auto vada a tutta velocità. Sfortunatamente, la rigenerazione attiva può avvenire solo quando l’auto è in movimento, quindi i conducenti cittadini, che in genere guidano nel traffico stop-start come i tassisti, potrebbero scoprire che le loro auto non sono in grado di rigenerare attivamente il DPF.

Se vedi un avviso che indica «Rischio di intasamento del filtro diesel» si riferisce al DPF, dovresti essere in grado di far rigenerare il DPF guidando a oltre 60 mph per circa 20 minuti. Se ciò non rimuove l’avviso, tuttavia, significa che è necessario un viaggio in garage.

Se vedi un avviso che indica «Diesel Additive Level Low» è fondamentale riempirlo il prima possibile, questo è il fluido che consente al veicolo di aumentare lo scarico alle alte temperature necessarie per rigenerarsi. Se questo fluido viene lasciato esaurire completamente, il veicolo non può rigenerarsi e il DPF inizia a intasarsi. Inoltre, quando il serbatoio dell’additivo funziona a secco, la pompa incorporata può grippare richiedendo la sostituzione del serbatoio, il che triplica il costo della riparazione.

È importante notare che l’additivo diesel NON è un additivo per carburante e non deve essere introdotto direttamente nell’impianto di alimentazione!

Manutenzione e riparazioni Peugeot limitata. Registrato in Inghilterra e Galles. Numero di registrazione: 10843747

Quest’opera è registrata con The UK Copyright Service. Reg No: 315221 @2020 Tutti i diritti riservati.

Adblock
detector