Recensione del furgone Citroen Nemo

La Citroen Nemo è più piccola della Berlingo, ma comunque spaziosa. È facile da guidare, ma i nuovi rivali sono più fluidi

  • Risparmio di carburante, guida simile a un’auto
  • Rumoroso all’interno senza una solida paratia, guida stabile senza carico

È facile vedere il fascino di un furgone davvero compatto. Sono economici da acquistare, offrono un ottimo risparmio di carburante e sono molto più facili da navigare nelle affollate strade cittadine rispetto a un furgone a grandezza naturale. Ma la tua scelta è alquanto limitata in questo settore — ci sono offerte basate su supermini come il furgone Ford Fiesta e Vauxhall Corsavan, ma se hai bisogno di un po’ più di spazio di carico, la Citroen Nemo potrebbe valere la pena considerare.

Lanciato nel 2007, il Nemo condivide la sua piattaforma e la maggior parte dei suoi componenti con Peugeot Bipper e Fiat Fiorino. Sono tutti costruiti insieme nella stessa fabbrica in Turchia e c’è poco da separare a parte uno stile anteriore e posteriore leggermente diverso.

Il Nemo va un po’ d’accordo negli anni ormai, e si vede. L’esperienza di guida è piuttosto spiacevole e il taxi è datato. Inizialmente il Nemo era disponibile come un robusto taxi per l’equipaggio Combi o un più lussuoso veicolo in stile MPV Multispace, ma questi sono stati eliminati dall’allineamento lasciando solo lo stile di carrozzeria standard del furgone. Infatti, Citroen ora vende solo tre versioni del Nemo

Non c’è scelta di passo o altezza del corpo con il Nemo, e c’è anche solo un’opzione motore: un diesel da 1.3 litri proveniente da Fiat con 79 CV. Non è esattamente potente, specialmente quando è completamente carico, ma è economico, offrendo oltre 50 mpg.

Ci sono tre livelli di allestimento tra cui scegliere, a partire da X e passando per LX ed Enterprise. L’entry-level X offre ABS, ESC, un airbag per il guidatore e un lettore CD. Il prossimo è l’LX, che aggiunge la chiusura a distanza, la regolazione dell’altezza del sedile per il conducente e gli alzacristalli elettrici. L’allestimento Enterprise di alta gamma aggiunge aria condizionata, sensori di parcheggio e uno stereo aggiornato con connettività Bluetooth.

Tutti i modelli sono dotati di un sedile del passeggero ribaltabile che può estendere la lunghezza del vano di carico, una grande caratteristica in un furgone così corto.

MPG, CO2 e costi di esercizio

Il motore diesel Nemo, targato HDi 80, è alimentato dal motore 79 MultiJet Fiat da 1.3 CV. Guidato con attenzione, è possibile raggiungere circa 60 mpg in termini di risparmio di carburante, ma è più probabile che sia da un minimo a metà di 50 mpg. Il motore a benzina 72 da 1.4 CV che era disponibile nella gamma è stato ora abbandonato.

Le emissioni di CO2 sono di 115 g/km, ma dal momento che i proprietari di furgoni pagano una tassa di circolazione forfettaria, è solo la tua coscienza ambientale che deve saperlo. Gli intervalli di manutenzione sono fissati a 20,000 miglia/due anni. Aspettatevi che l’assicurazione sia compresa tra 2E e 4E.

Devi specificare almeno il modello di fascia media LX per ottenere la chiusura centralizzata remota con deadlock sul tuo Nemo. Il veicolo è inoltre dotato di un immomilizer/transponder, ma il resto del kit di sicurezza di cui avrai bisogno è nell’elenco delle opzioni. L’elenco include acciaio pieno o mezza altezza con paratia in rete e reti di sicurezza per i finestrini posteriori, nonché un allarme per veicoli, ma è disponibile solo su furgoni con porte posteriori vetrate.

Spazio di carico e praticità

Il Nemo è dotato di serie di due porte posteriori asimmetriche non smaltate, per la sicurezza, e di una paratia a scala dietro il sedile del conducente. Le porte posteriori si apriranno a 180 gradi. È disponibile una gamma di opzioni di paratia, inclusa una paratia a gabbia pieghevole progettata per l’uso con il sedile del passeggero pieghevole Extenso standard, in modo che anche quando il sedile viene utilizzato per estendere l’area di carico sul lato passeggero, il conducente ha una certa protezione da un carico mobile.

Il sedile Extenso può essere utilizzato come sedile del passeggero, tavolo per il conducente con lo schienale ribaltato, oppure può essere ulteriormente abbassato e bloccato in posizione per formare un’estensione del vano di carico sul lato passeggero. Ciò estende la lunghezza dell’area di carico da 1,523 mm a 2,491 mm, consentendo il trasporto di oggetti come scale o tubazioni.

Il vano di carico è di forma abbastanza regolare ma, inevitabilmente, i passaruota posteriori restringono la larghezza, in questo caso a 1,046 mm. Nel complesso, il Nemo offre più spazio rispetto al suo unico concorrente comparabile, il Mercedes Citan Compact. Il Nemo offre 2.5 metri cubi di volume di carico (2.8 metri cubi con il sedile Extenso ripiegato) rispetto ai 2.4 metri cubi del Citan Compact.

Non c’è molto, ma lo spazio di carico del Nemo è 154 mm più lungo, ignorando il sedile Extenso, 13 mm più largo e 53 mm più basso del Citan Compact. Le dimensioni del vano di carico del Nemo sono identiche al Fiat Fiorino e al Peugeot Bipper. Le porte posteriori con apertura a 180 gradi offrono un buon accesso al vano di carico. Anche i modelli LX ed Enterprise sono dotati di una porta laterale scorrevole e c’è un’opzione per una porta fuorigioco. Per il Nemo sono disponibili scaffalature su misura. Lo spazio di carico è più del doppio di quello dei furgoni a due volumi come il furgone Fiat Punto, Ford Fiestavan e Vauxhall Corsavan e anche l’accesso è molto migliore. Il Minivan offre un’altra alternativa con accesso simile, ma lo spazio di carico è molto più piccolo di quello del Nemo.

Affidabilità e sicurezza

La gamma di motori Nemo era in uso da tempo prima del lancio del modello. Prima della metà del 2010, i modelli diesel erano dotati del diesel HDi 68 litri Peugeot Citroen da 1.4 CV. Tutti i motori sembrano avere una buona reputazione per l’affidabilità. Ci sono segnalazioni di un guasto prematuro del cuscinetto di montaggio superiore della sospensione anteriore e di una forte usura degli pneumatici anteriori, un problema apparentemente ereditato dalla Fiat Punto, su cui si basa il furgone.

I primi modelli non erano disponibili con il controllo elettronico della stabilità (ESC), causando il fallimento del test «Elk» in Germania nel 2010 e il ribaltamento di un modello passeggeri Nemo. Il test prevede una manovra di cambio corsia improvviso. L’ESC è ora standard su tutti i modelli.

Guida e prestazioni

Poiché la Nemo è basata su un’auto, la Fiat Punto, non sorprende che guidi come tale. Il servosterzo è leggero e il furgone si comporta bene. Lo svantaggio è la sospensione rigida e rimbalzante, più evidente quando leggermente caricata, che non rende la guida fluida.

Può essere espulso da buche e dossi. Questo è probabilmente il risultato del passo corto e della capacità di carico utile relativamente alta di 660 kg, con conseguente molleggio rigido, ma modelli altrettanto corti come la Ford Fiestavan e la Vauxhall Corsavan guidano meglio. Il motore diesel tira bene e il Nemo può viaggiare facilmente a velocità autostradali con il minimo rumore meccanico.

Cabina e interni

La cabina Nemo sembra sorprendentemente grande per un piccolo veicolo, probabilmente perché la posizione di guida è abbastanza vicina al centro del furgone, quindi ben arretrata rispetto alla base del parabrezza. Il parabrezza profondo e gli ampi specchietti offrono una visibilità a XNUMX gradi, ma non c’è una sezione grandangolare dello specchio.

Lo spazio di archiviazione è buono, con un vano portaoggetti profondo in grado di contenere un laptop. Ci sono anche utili tasche per le porte. Una paratia interamente in acciaio aiuta a ridurre il rumore della strada proveniente dall’area di carico, sebbene ciò limiti l’utilità del sedile Extenso.

Anche i passeggeri alti potrebbero non trovare il sedile Extenso così comodo, poiché la posizione di seduta è più alta del sedile del conducente e c’è meno imbottitura rispetto al sedile del conducente per assorbire gli urti.

Adblock
detector