Recensione Citroen Grand C4 Picasso

Non è passato molto tempo da quando i monovolume avevano una sete di carburante che rivaleggiava con quella dei 4×4, ma la Citroen Grand C4 Picasso mira a cambiare tutto questo, con 74.3 mpg possibili dal modello e-HDi 90.

Statistiche chiave

  • Modello/dimensioni del motore: Esclusiva Citroen Grand C4 Picasso + Blu HDi 150 auto
  • Carburante: Diesel
  • Risparmio di carburante combinato: 61.4 mpg

sommario

Discreto da guidare

7 posti e tanto spazio

Economico per le sue dimensioni

Devi distogliere lo sguardo dalla strada per guardare gli strumenti e utilizzare la maggior parte dei comandi, la maggior parte dei quali è accessibile tramite il touch screen centrale

  • sfondo
  • Design e ingegneria
  • I nostri collaboratori
  • Esperienza di guida su Citroen Grand C4 Picasso
  • Citroen Grand C4 Picasso Economia ed emissioni
  • Prezzo, equipaggiamento e gamma di modelli
  • Conclusione
  • Fatti e cifre

sfondo

Non è passato molto tempo da quando i monovolume si sono classificati con i 4×4 come alcune delle auto più antieconomiche in vendita. Tuttavia, tutto ciò è cambiato ora con una nuova generazione di monovolume economici in vendita, guidati dalla Citroen Grand C4 Picasso. Il modello e-HDi 90 è capace di 74.3 mpg, e il più potente, il top di gamma Blue HDi 150 automatico testato può ancora gestire 61.4 mpg, il che è molto rispettabile per un monovolume a 7 posti.

Design e ingegneria

Il Grand C4 Picasso beneficia dell’ultima piattaforma PSA che offre vantaggi significativi in ​​termini di imballaggio e peso. Il risultato netto è più spazio all’interno, meno ingombro all’esterno e un peso a vuoto straordinariamente basso, contribuendo a fornire un consumo di carburante eccellente. Per massimizzare il risparmio di carburante è necessario optare per l’e-HDi 90 e l’opzione del cambio manuale automatizzato, ma vale la pena notare che se questa «scatola non è la tua tazza di tè, anche il manuale è piuttosto efficiente.

L’aspetto più importante di qualsiasi monovolume è la sua capacità di spostare comodamente molte persone. Con questa misura il Grand Picasso è eccellente. Lo spazio interno è molto buono e la terza fila di sedili occasionale è utilizzabile. C’è un grande senso di ariosità aiutato a non finire dall’enorme quantità di vetri e dal parabrezza «panoramico» di serie.

Sebbene la praticità sia assolutamente fondamentale, gli acquirenti di MPV cercano sempre più anche lo stile. La parte anteriore è certamente individuale, indipendentemente dal fatto che ti piaccia lo stile. Anche i cerchi in lega della nostra auto di prova hanno un bell’aspetto e danno l’impressione che siano molto aerodinamici.

Gli interni sono moderni e spaziosi con materiali di qualità e, nella parte anteriore, il cruscotto è sinuoso, scolpito e, nel miglior stile Citroen, interessante e bizzarro, in effetti non è dissimile dall’ambiente all’interno di una BMW i3. La sensazione di spazio è aiutata dall’assenza del selettore delle marce nella posizione convenzionale, invece è sul piantone dello sterzo. C’è molto spazio di archiviazione nell’auto e l’area di stoccaggio in plastica che si trova dove si troverebbe il selettore delle marce può anche essere sollevata, dando ancora più spazio.

Un tocco intelligente è un piccolo specchietto retrovisore aggiuntivo rivolto ai bambini sui sedili posteriori.

La stragrande maggioranza dei controlli per l’auto è sul touchscreen – ne parleremo più avanti – e tutti gli altri comandi appaiono sul volante piuttosto impegnato.

I nostri collaboratori

Esperienza di guida su Citroen Grand C4 Picasso

La visibilità è ottima grazie alla posizione di guida alta, ma questa altezza non fa nulla per contrastare la sensazione della vettura grande e pesante in curva. La Grand C4 Picasso è molto più felice sulle autostrade, quando è molto comoda, silenziosa, raffinata, potente e abbastanza facile da guidare.

Il cambio automatico generalmente funziona bene, anche se a volte può essere un po’ lento, soprattutto per scalare. Se vuoi controllare in quale marcia ti trovi, puoi farlo tramite i paddle montati sul volante.

Quindi l’esperienza di guida è generalmente buona e l’ambiente interno è attraente ed esclusivo, ma ci sono alcuni problemi. Il principale tra questi è il touchscreen. Il problema principale è che devi utilizzare il touchscreen per la maggior parte delle funzioni di controllo del veicolo. Quindi sei sempre all’infinito per toccare lo schermo, anche per cambiare la temperatura all’interno dell’auto, il che può diventare molto noioso. Se tutte le strade fossero perfettamente lisce, questo sarebbe un problema minore, ma provare a scorrere tra diverse schermate e toccare piccole icone quando si guida su strade sconnesse è un incubo.

Come se ciò non bastasse, non ci sono assolutamente strumenti davanti al guidatore: sono anche al centro dell’auto, sopra il touchscreen. Quindi devi sempre distogliere lo sguardo dalla strada davanti a te per guardare a sinistra verso gli strumenti, incluso per visualizzare la tua velocità, e verso il basso fino al touchscreen dell’auto. A nostro avviso, questo non va affatto bene, soprattutto in un momento in cui altri produttori stanno introducendo eccellenti sistemi di display head-up, proprio nel campo visivo del guidatore.

Non c’è nemmeno il contagiri. È anche facile colpire la leva del tergicristallo piuttosto che il selettore del cambio montato sul piantone dello sterzo. Al buio, è facile premere il freno a mano, ma aprire invece un vano portaoggetti. E non puoi tenere sempre sul display la lettura del consumo di carburante: appare per alcuni secondi e poi scompare. Tuttavia hai la possibilità di visualizzare le foto o un grafico che mostra quanto è lontana l’auto davanti, anche se presumibilmente puoi vederlo con i tuoi occhi (a meno che tu non stia invece guardando le foto sul touchscreen).

Citroen Grand C4 Picasso Economia ed emissioni

La cifra ufficiale dell’economia combinata per la Citroen C4 Grand Picasso è di 61.4 mpg, pari a 120 g/km di CO2. Abbiamo ottenuto un risparmio di carburante complessivo medio di 47.8 mpg, non male per un monovolume a 7 posti che guida molto in autostrada. Siamo stati in grado di raggiungere una media di 52.2 mpg con una guida più attenta e non autostradale. Tutto questo si traduce anche in una lunga autonomia.

Se vuoi optare per il modello più economico, quello sarebbe la Citroen Grand C4 Picasso VTR e-HDi 90 Airdream ETG6 (peh!), Con un risparmio di carburante combinato di 74.3 mpg e 98 g/km di CO2. È anche più economico della nostra auto di prova, a £ 20,595.

Prezzo, equipaggiamento e gamma di modelli

La nostra auto di prova è costata £ 27,855, più opzioni – che hanno incluso pelle piena a £ 2,000 – rendendo il prezzo totale della Grand C4 Picasso abbastanza pesante £ 31,765, sebbene venga con molta attrezzatura.

La gamma di modelli comprende un 1.6 VTi 120, un 1.6e-HDi 90, un 1.6e-HDi 115, un 1.6 THP 155 e il 2.0 Blue HDi 150. I prezzi partono da £ 19,205 e salgono a £ 27,855 della nostra auto di prova .

Conclusione

La Citroen Grand C4 Picasso è una gradita aggiunta al mercato delle 7 posti, offrendo stranezza, efficienza e praticità in un pacchetto distintivo. Si guida bene e l’abitacolo è un ambiente piacevole e, sebbene il cruscotto sia bello, non ci piace molto la posizione centrale della strumentazione principale. Nelle specifiche della nostra auto di prova, sta anche diventando costoso. Tuttavia, la Grand C4 Picasso riceve una valutazione da Green Car Guide di 8 su 10.

Fatti e cifre dell’auto Citroen Grand C4 Picasso Recensione

  • Risparmio di carburante, extraurbano: 67.3 mpg
  • Risparmio di carburante, urbano: 52.3 mpg
  • Prova il risparmio di carburante: 47.8 mpg
  • Emissioni di CO2: 120 g / km
  • Valutazione verde: VED fascia C – £ 30 all’anno
  • Peso: 1476 Kg
  • Responsabilità fiscale auto aziendale (2014/15): 19%
  • Prezzo: £27,855
  • Gruppo assicurativo: 25E
  • Energia: 150 CV
  • Massima velocità: Mph 128
  • 0-62mph: 10.2 secondi
  • Europei 6: Non

I nostri collaboratori

Recensione di:
Paul Clarke, Editore di GreenCarGuide

Adblock
detector